Youtube non è amico mio

Se credevate che mi fossi data alla latitanza, facendo perdere le mie tracce, trasferendomi dall’altra parte del mondo, eliminando ogni collegamento con la mia madre patria vi siete sbagliati di grosso.
Purtroppo sono ancora qui, non ho ricevuto la proposta di un lavoro da sogno che mi permetta di svegliarmi alle undici e di stare lontano dal prossimo e mi sto a stento riprendendo da un’allegra estate passata a formulare liste sulla gente che dovrebbe obbiettivamente morire e su quali capi d’abbigliamento in gioventù avrei dovuto acquistare per essere ora una fashion blogger in modo da potermi svegliare alle undici e stare lontano dal prossimo.

Ed ora, in modo brutale e senza soluzione di continuità, ecco il mio post.

Dopo il grande e immeritato successo e soprattutto dopo la grande, immeritata e terrificante! diffusione su youtube che stanno avendo i video fatti per strada coinvolgendo i passanti, un muto e violento terrore mi assale ogni volta che esco di casa. Innanzitutto il sentimento di paura cieca e mostruosa nasce già quando devo prepararmi per uscire: ormai anche per andare a comprare le cartucce della stampante (cosa che in realtà non ho mai fatto, ma lo scrivo lo stesso perché mi piace dare un’immagine di me tecnologica e sempre al passo coi tempi, e inoltre ricordiamo che per questi compiti esistono i fratelli maschi, fedeli vassalli del mondo informatico) dicevo, anche per andare a comprare le cartucce della stampante faccio molta attenzione ai dettagli del mio outfit: di solito scelgo una maglia very easy, di tendenza, magari con qualche scritta arguta o che faccia comunque riferimento ad un impegno sociale o a un alto ideale sociale e civile. Per il trucco opto per un tono molto leggero e fresco e faccio molta attenzione a non avere residui di prezzemolo tra i denti.
Le cuffie enormi che avevo si sono rotte, ma le metto attorno al collo per dare quell’aspetto metropolitano che non ti aspetti e per le scarpe uso dei comodi sabot perché tanto non verranno inquadrate. Anche se ogni tanto il dubbio m’assale.
Una volta in strada, per ogni volta che giro l’angolo avverto forti palpitazioni e quando da lontano intravedo ragazzi che filmano cose con il loro cellulare, man mano che mi avvicino a loro, proprio come una Don Abbondio moderna, esamino attentamente tutte le vie di fuga e le scuse plausibili finendo sempre per dirmi che se il destino mi riserva un’intervista che finirà su youtube devo fieramente accettarla perché è questa la strada che è stata scelta per me.
Confesso che tutto questo lavoraccio purtroppo e per fortuna non è mai servito a nulla, dal momento che nessuno mi ha ancora intervistato facendomi domande idiote o teso scherzi di pessimo gusto. Nessuno mi è ancora venuto incontro con un bicchiere urlando “Biv! Aggià capì si m’ poss’ fidà e te!”, nessuno mi è ancora venuto a scorreggiare addosso, nessuno mi ha ancora teso il tranello della banconota fissata al filo di nylon.
In compenso però, quando ieri l’altro un signore mi ha chiesto le indicazioni per la stazione, temendo che sotto il suo aspetto da indifeso vecchietto si nascondesse un youtuber spietato in vena di stilare classifiche sulle città più simpatiche e giocherellone d’Italia, ho risposto cantando e improvvisando un balletto che il treno dei desideri nei miei pensieri all’incontrario va.
Lui mi ha guardato schifato, ha sputato a terra e ha continuato per la sua strada.

Annunci

8 pensieri su “Youtube non è amico mio

  1. Magari sei sotto spia di qualche fashion blogger in incognito :D

    Una volta scoperta puoi ricattarla in modo che poi ti possa alzare a mezzogiorno e fare la santona lontana da ogni prossimo fino alla settima generazione ;)

  2. Quando troverai qualcuno che ti chiederà di fare le flessioni, sono io!

    Che bello sapere che virtualmente esisti ancora (anche se magari per te è meno bello visto che non sei diventata una ricca nullafacente)

  3. 2 cose al volo prima di andare a pranzo:

    1) Giusto ieri mi chiedevo che fine avessi fatto.
    2) prima o poi dobbiamo incontrarci e fare un video di protesta per queste interviste. Per andare controtendenza lo metteremo su Vimeo xD

  4. ben ritrovata!
    io spero, al contrario, di trovarmi un giorno dentro un balletto improvvisato per strada da persone apparentemente innocue in realtà ballerini professionisti che hanno già provato e riprovato la coreografia… già immagino la mia espressione da trota!
    quel giorno mi auguro di essere fuori dall’inquadratura del youtuber appostato e camuffato da cabina telefonica!!

Lascia un commento, è gratis!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...