Nessuno mi può giudicare…Ma non è vero!

Ciao ragazzi,
ho da poco finito di mangiare e credo che se a breve non prenderò un bel caffè stramazzerò a terra sbavando addormentata sul pavimento cosparsa da formiche e zanzare che si nutranno della mia giovane e sonnolenta carne.
In ogni caso stamattina ho elaborato una riflessione (precisamente mentre stavo piegando la mia maglia con snoopy per posarla nell’armadio):
pensavo a quanto è falsa l’illusione di non poter  o di non dover giudicare.

Chi candidamente definisce se stesso come una persona che “non giudica”, a mio parere, sta pronunciando una delle più grandi menzogne della storia dell’umanità (le altre sono “da lunedì inizio la dieta” e “non avevo letto il mesaggio il mio pc/telefono è pazzo”).
Il giudicare, sempre secondo il mio personalissimo parere, è qualcosa di intimamente connesso con l’essere umani. Formulare giudizi, paragoni, differenze, avere pareri, è qualcosa impossibile da evitare. Ed è quella cosa, anzi una delle poche cose che ci differenziano dagli animali.
Come si fa a non collegare automaticamente un giudizio, un pensiero, un qualsiasi predicato ad un soggetto lasciandolo appeso e privo di definizione alcuna?
Chi, quando viene chiamato da noi in causa, ci dice che non ha pareri in merito o è incapace di giudicare ci sta mentendo.
Sono sicura.
Molto probabilmente, la realtà dei fatti è che un giudizio lo ha elaborato eccome, solo che non vuole dirlo.
E io da queste persone diffido.
Primo, perchè si vergognano di una cosa che non costituisce aggravante alcuno, anzi, denuncia personalità e partecipazione.
Secondo, perchè molto probabilmente così come ci tace un giudizio richiesto, chi sa quanti ne ha già formulati, non richiesti, su di noi (che, è chiaro, non ci svelerà mai).

Ci hanno insegnato che giudicare non sta bene.
Io invece trovo molto meno sano reprimere un processo intellettivo spontaneo che è, appunto, quello dell’emettere o semplicemente dell’avere un giudizio.
Che poi in nome di cosa questo silenzio?
Capisco che alcuni giudizi potrebbero offendere i nostri cari, tipo:

-Cosa ne pensi del ragazzo che sto frequentando?
-Beh, ad essere sinceri, mi sembra un tossicodipendente mantenuto dai genitori privo di interesse alcuno non solo per quello che fai, ma anche per quello che accade nel mondo; nemmeno i suoi amici mi piacciono, mi danno l’impressione di cafoni bifolchi che riescono a fatica a parlare in italiano. Ah, e gli puzza l’alito.

Ma c’è modo e modo per dire la stessa cosa, tipo:
-Beh, forse non lo conosco ancora bene, però che strano! conoscendo te, invece, non avrei mai scommesso che fosse il tuo tipo di ragazzo ahahaha (risata per sdrammatizzare). I suoi amici non mi hanno fatto una buonissima impressione, a dire il vero… ma può darsi che mi sbagli. E poi non è detto che se i suoi amici siano un po’ …ehm.. spartani debba esserlo anche lui.

Oppure potreste mentire (ovviamente non sono d’accordo):
-Fantastico! un ragazzo fantastico! Spero che avrete tanti bambini, perchè è un ragazzo talmente meraviglioso che sarebbe un peccato se non si moltiplicasse!
I suoi amici sono delle personcine deliziose. Ah, e sapresti dirmi che dentifricio usa?

Ma non dite, per favore non dite, che non lo sapete, che non ne pensate nulla e che non avete un giudizio in merito. Fatelo sopratutto per voi e per la vostra natura di essere umano pensante.

Anche se questo post vi fa schifo potete dirlo.
“Oh, questo post mi fa cagare”
Io non mi offendo. Cioè, forse un po’ mi offendo, ma apprezzerò la vostra sincerità mentre piangerò nel mio angolo buio.

Ciao!!!

Annunci

22 pensieri su “Nessuno mi può giudicare…Ma non è vero!

  1. Non dev’essere un caso che incappi in un post del genere proprio mentre leggo l’ennesimo libro che ha a che fare con zen-filosofie orientali, ma trattati in maniera assai pratica ed occidentale (quindi poco newage-allamoda).
    In pratica definisce l’atto stesso del “giudicare” come una di quelle pratiche alla radice della sofferenza.
    Ed invita a scorgere in sé, nei propri flussi di pensiero, anche in quelli più elementari, quanto diffusa sia la pratica del giudicare. Questo *buono*, quello *cattivo*. Senza giudicare (!) un istinto così elementare, ma appunto identificando il processo e basta, osservandolo, affinché la natura malsana dell’atto si palesi da sola. Perché in linea di massima “quel che si giudica non si può comprendere”. Questo ho letto, e questo commento perché la circostanza è curiosa: sono perfettamente d’accordo con te sul fatto che tutti lo facciamo (un po’ meno sul fatto che venga considerata una cosa che “non sta bene”; trovo anzi sia molto incoraggiata), ma nello stesso tempo concordo col fatto che non renda più felici e sereni. Il fatto è che certe forme di ascetismo, secondo me, rendono molto soli. Quindi ci andrò io, nell’angolo buio. :)

    • Non rende più felici e più sereni, questo è certo (almeno nella maggior parte dei casi)…
      come pure è vero che certe forme di scetismo rendano molto soli, anzi impostate proprio sulla solitudine/isolamento mondano/meditazione….comunque non andare in un angolo buio, potresti andare su un pizzo di una montagna, o su una colonna.. potrebbe funzionare come cosa… :D

  2. Personalmente giudico tutto e tutti al primo impatto, è ovvio che si faccia così, altrimenti ti manca materia cerebrale (si… oddio, ripensandoci, non è così difficile trovare amebe con gambe e braccia… e un involucro vuoto chiamato testa).
    Il tutto sta nel vedere quanto peso si da a quel giudizio, perché ritengo che la prima impressione sia viziata da molti fattori… primo fra tutti il “modo” in cui si è stati educati; se per “imprinting” ci è stato detto che (per esempio, solo per esempio) un albanese è brutto e cattivo allora appena ce lo troviamo davanti si pensa subito che è brutto e cattivo… ma ciò non significa assolutamente niente; il cervello non va a comando, ma se la si pensa diversamente, certi pregiudizi possono anche essere ignorati, e ciò non comporta non esprimere un’opinione…
    Inoltre il più delle volte, rispondere diplomaticamente, è come mentire, e dal mio punto di vista in certi casi è meglio essere vaghi o non rispondere: non a tutti piace sentirsi dire le cose in maniera schietta, anzi, si possono contare sulle dita.

    Devo anche ammettere però, che alcune volte mi sono trovato davanti persone di cui mi interessava così poco, da non aver avuto nemmeno voglia di esprimere un “giudizio compiuto” che andasse oltre il semplice “non mi interessa”…

    Ciao ;-)

  3. Quando una persona giudica di prepotenza, senza che gli venga chiesto niente e spara sentenze dal nulla a me fa saltare i nervi.
    Non mi piace giudicare e non mi piacciono le persone che lo fanno. Un conto è esprimere delle opinioni, sempre e solo se sincere. Ma giudicare è malato perchè solo io posso sapere chi/cosa sono VERAMENTE e nessun altro…

    Purtroppo a volte succede anche a me, giudicare, specialmente nei momenti di rabbia, la cosa non ha mai portato a niente di buono.

    Questo post mi è piaciuto, secondo me avresti dovuto sottolineare di più la differenza tra giudicare ed esprimere un parere.

    Quelli che non esprimono pareri poi non ne parliamo… Codardi.

    • in questo post io faccio riferimento a due situazioni
      la prima è l’atto spontaneo del giudicare
      la seconda è l’ocasione in cui un parere-giudizio viene chiesto ad un interlocutore e questo mentendo – perchè io non ci credo- dice di non avere un giudizio in merito.

      E’ chiaro che solo tu puoi sapere VERAMENTE chi sei, e quelle degli altri sono solo parole ed impressioni (e molte,moltissime volte possono essere sbagliate) però non si può impedire alla mente di formularle. Nemmeno io vorrei essere giudicata dal prossimo ma so benissimo che ciò accade, nel bene e nel male, e non ne faccio una colpa a nessuno.
      Certo non si confonda il giudizio col pettegolezzo cattivo che ha lo scopo di sollvare insinuazioni che non hanno nessuna prova.
      Sulla differenza tra giudicare ed esprimere un parere forse non mi ci sono soffermata abbastanza (aspetta, per evitare equivoci intendi: parere= è richiesto, giudizio= è formulato personalmente_ vero?) però il il mio punto di vista è uguale per entrambi: è normale e quasi spontaneo formularli, e non ha senso illudersi di essere uno/una che non giudica.

      Il giudizio può essere anche positivo, fatto di complimenti e di belle parole. Quindi è una cosa neutra, in partenza.
      Ma tutto ciò ovviamente sempre secondo me, queste sono cose per cui una verità assoluta non esiste. Credo.

      Ciaoooo!!! ;)

      • Parere/opinione richiesta si, per giudizio invece ho lasciato perdere quelli positivi. Ma è anche un po’ una mia caratteristica… Son quelli negativi che mi pesano, quelli gratuiti, ricevuti per una vita intera, in maniera diretta ma soprattutto indiretta.
        Per questo dico che sono sbagliati, perchè la gente ci soffre, io ci ho sofferto e me li porto ancora dietro…
        L’unica verità assoluta è che non smetteranno mai di esserci, i giudizi negativi, peggio ancora poi quando si evolvono in pregiudizi… Uno schifo assoluto.

        E chissà quante persone ho fatto soffrire anche io, spero poche.

        Grazie per lo sfogo! alla prossima!

  4. concordo pure io sul fatto che TUTTI giudicano. Nel dire “io non giudico” spesso si intende “io non paleso il mio giudizio”.
    Poi come in tutte le cose, c’è chi lo fa bene e chi no….

  5. hmmm…come dire…ognuno di noi puo avere una cattiva o buona impressione su qualcuno e molto spesso non dice la sua perché semplicemente sa che la persona che ha di fronte non apprezzerebbe o quantomeno non accetterebbe la realtà. Io sono una di quelle persone che non sempre, pero più di qualche volta, spara sentenze. E ci indovino. Ma anche se indovino io sto imparando a tenermelo per me, perché anche una frase detta il più gentilmente possibile ferisce. La verità è che tutti vorrebbero la pensassimo come loro e viceversa e sono in pochi ad accettare un parere divergente.
    Il discorso è diverso invece per gli amici, a loro dico sempre cio che penso a costo di fargli male, affnchè aprano gli occhi e guardino in faccia la realtà.

    • Come non condividere quello che scrivi.
      Però io dico questo: perchè affermare che giudicare è sbagliato?
      Perchè affermare di essere una persona che non giudica?
      Lasciamo stare la questione del parere richiesto dall’amico.
      Parliamo solo di quelle persone che si fregiano del fatto di essere “incapaci di giudicare” quelle mi fanno venire i nervi perchè stanno dicendo una cosa che non può essere che falsa.
      Per esempio tu, invece, hai scritto che spari sentenze. Lasciamo stare se te le tieni per te o le condividi, hai ammesso che il tuo cervello lavora anche in questo senso e io apprezzo moltissimo una dichiarazione di questo tipo perchè so di parlare con una persona che ha un suo parere personale, forse giusto, forse sbagliato, ma almeno esistente in merito a un qualcosa o a un qualcuno, evviva Dio!

  6. E io che mi ritengo classista allora sono una persona sincera???
    Comunque le persone che hai catalogato nel terzo punto, per mia esperienza personale, sono quelli che poi, quando le cose non vanno nella direzione giusta dicono “io lo sapevo, l’avevo capito, ma non ti potevo dire niente… l’avresti presa male!”

  7. è provato che piegare magliette di Snoopy provochi questi effetti. Molto più pericoloso piegare magliette di Hello Kitty :P
    il “non giudicare” è una delle prime regole che ti vengono date quando decidi di affrontare un percorso di psicoanalisi, e la regola vale sui tuoi stessi pensieri.
    non c’è cosa più difficile!
    siamo abituati a giudicare qualunque cosa ci passi davanti. Non c’è scampo!
    e poi…
    perchè nella versione “sincera-light” non ci sono commenti sull’alito??

      • non devi giudicare proprio per renderti conto di cosa realmente pensi. Solo così puoi essere “analizzato”… Se mentre parli giudichi quello che vuoi dire, e quindi lo filtri, non può funzionare!!

Lascia un commento, è gratis!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...