Manie (mea culpa)

Premetto che secondo me la maggior parte delle persone si trova nella mia stessa situazione. Quella cioè di avere così tante, ma soprtattutto STRANE manie da poter tranquillamente essere una star Hollywoodiana.
Ovviamente meno tendente al suicidio e con meno silicone.
Botox mon amour. 
Le mie manie devo ammettere che non sono tantissime,ma cominciano dalla mattina:

se non faccio colazione usando la mia Tazza Bianca con Bordo Bombato la mia giornata è rovinata irrimediabilmente; inoltre il latte deve essere bollente.
 Non caldo, non tiepido,ma BOLLENTE.
 Altrimenti mi prende il mal di vivere
(ovviamente non lo bevo bollente, aspetto che si raffreddi un po’). 

All’università gli appunti si prendono SOLO con la Penna Nera, stessa penna che si utilizzerà per scrivere riassunti o schemi di sorta a casa quando si studia.
Altrimenti l’esame va male e verrò sicuramente bocciata.
Una volta chiesi una penna in prestito, cominciai a scrivere e solo dopo un paio di lettere mi accorsi che era blu.
Dopo aver giustamente emesso un violento e inorridito urlo e lanciato per aria la penna ho inveito con il proprietario dal quale ho preteso le scuse. (in realtà ho ricevuto solo indignazione e parole che qui non si possono scrivere).

Quando per un motivo o per un altro uso un plaid per coprirmi, le parti del corpo che devono essere coperte assolutamente sono i piedi. Altrimenti ho comunque freddo.
E non importa se la temperatura è -15° oppure 40° all’ombra: se dormo devo SEMPRE coprirmi, per tenere il Male il più possibile lontano da me.

Non si entra in un negozio se è vuoto (a meno che non sia urgente, o perido di saldi)
Quando si sbuccia la fruttasi tiene in mano meno tempo possibile altrimenti si Riscalda
e quando si va a dormire il telefonino, anche se spento, non si lascia MAI sul comodino, ma nel PRIMO cassetto del comodino, quello delle mutande e dei calzini, che sicuramente attutiranno tutte le radiazioni(che, nota bene, vengono emesse solo a cellulare acceso ma non si sa mai!).

Annunci

35 pensieri su “Manie (mea culpa)

  1. se posso consigliare una valida coperta contro il “MALE”, ti indico il pimino doca 300×219 cm, fenomalenale contro alieni, spiriti, e fantasmi. Provalo è ottimo!. Il plais è superato ormai hanno trovato tutte le contromisure necessarie

  2. Infatti immaginavo..sei troppo intelligente per andare avanti ancora con il Plaid.
    Per quanto riguarda Luglio invece ti posso consigliare delle coperte con tessuto tecnico, utilizato dai militari nel deserto. ottimo contro i nemici e contro il “Male”.
    Li lo problema è il costo che a quanto mi risulta si aggira introno9 ai 1200-1300 euro a coperta.
    E comunque d’estate gli spiriti, alieni e fanstasmi riducono di molto l’attività, fa caldo anche per loro.

  3. La mania è un rito, sottolinea e da importanza a gesti e funzioni che altrimenti sarebbero irrimediabilmente banali,è una nobilitazine delle nostre necessità, un modo speciale di accudirci,di celebrarci,di volerci bene.Siamo sacerdoti del nostro quotidiano,celebriamo le nostre messe quotidiane e amen cosi sia……Guai a parlarmi la mattina,prima che io abbia preso il caffe,sarebbe un grande,enorme sacrilegio….IHIHIH !!!

  4. Io di manie ne ho veramente troppe.
    Condivido quella dell’esser costantemente coperti per proteggersi dal Male.
    Oppure le serrande tappate d’estate durante la notte.
    Il perché..
    Eh.
    Da bambina mi dissero che la notte se non chiudevo sarebbero entrati i serpenti.
    E bada bene che sto al secondo piano.
    In città.
    Cheddici sai, abito nella foresta amazzonica una un po’ cauta ci va.
    A vent’anni non riesco a togliermi questa mania di chiudere.
    Oppure mentre mangio devo sempre avere tutto in ordine.
    Anche dopo finito.
    Roba che al Mc, dopo essermi strafogata, inizio a comporre arte moderna infilando praticamente tutta l’immondizia nel bicchiere della Coca Cola.
    E ci va eh!

  5. ehm..:) ciao!
    Al mattino mi alzo per fare colazione con il MIO caffellatte. che dovrà essere marrone come solo io so fare. con quel retrogusto agrodolce dello zucchero di canna. Il caffè solo e subito dopo.
    Rinuncerei ad alzarmi se così non fosse.
    sono insegnante alle elementari.. non riesco a correggere i compiti con la penna rossa.. mi sento male, mi vien male, non posso.. io uso la penna verde, meglio ancora il pennarello verde a punta fine…, se voglio dormire, devo essere coperta, d’estate anche solo con un lenzuolo.. potrei continuare all’infinito..

  6. Wow! Allora non sono l’unica! Io per esempio non mi faccio la doccia più fredda di 40 gradi altrimenti non mi disinfetto (anche se fuori è estate e fa caldissimo); non tocco il rubinetto e se lo tocco lo faccio solo con le mani bagnate perchè sennò la mia pelle viene a contatto con i batteri che vi sono sopra, mentre l’acqua crea una specie di intercapedine tra me e i batteri; non bevo dalle tazze sbeccate perchè sulla sbeccatura si annida lo sporco (???); non tocco le spugne senza guanti perchè mi restano le mani unte (???)…. devo aggiungere altro?
    Help!!! E anch’io io piedi li voglio sempre coperti: anche d’estate i sandali proprio NO.

Lascia un commento, è gratis!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...